Un grande laboratorio,
sotto lo stesso cielo.

In cerca di qualità

L’Italia è un Paese pieno di tradizioni e di passioni. Un gigantesco laboratorio a cielo aperto, che ha visto le prime botteghe nascere in casa e poi diventare veri e propri atelier e aziende. Se vai in cerca di qualità, di certo la troverai.

VelascaVelasca

Noi l’abbiamo trovata

Non solo noi. L’eccellenza italiana è riconosciuta in tutto il mondo, basta una voce: Made in Italy. Selezioniamo i laboratori uno a uno, perché ogni territorio ha il suo saper fare. E con loro ci teniamo a stringere profonde relazioni.

VelascaVelasca

Faccia a faccia

Di genitore in figli, qualcuno ha imparato anche dal vicino di casa: ogni eccellenza ha i suoi segreti. Ce li siamo fatti raccontare direttamente da chi conosce il mestiere.

VelascaVelasca

GIACOMO

ARTIGIANO DI SCARPE
Giacomo ha respirato l’arte della scarpa sin da bambino. Ci racconta che, prima degli anni ‘70 in quella zona, le persone dalle campagne iniziarono ad andare verso le fabbriche, imparando il mestiere; poi molti di loro hanno aperto la propria piccola azienda. Quando era piccolo, ogni laboratorio era dedicato a un pezzo della calzatura; per il trasporto usavano le Apette (le Apecar), Montegranaro ne era pieno.

VelascaVelasca
“Immagina Montegranaro quando ero piccolo io, che uscivo a giocare: ogni porta che vedevo era un laboratorio di scarpe!”

LUCIANO

ARTIGIANO DI SCARPE
Ha iniziato da piccolo che aveva appena 10 anni. Luciano ne ha di esperienza, ci racconta che a Montegranaro si facevano solo le scarpe. Quando parla del suo mestiere le linee del viso sorridono, ama quello che fa.

Ci confida, però, che questo è un lavoro complesso, “un mestiere che te fa inc*zzà”. Per riconoscere i difetti della pelle o della scarpa in lavorazione, esperienza e pazienza sono fondamentali; con la fretta, invece, le cose vengono male.

VelascaVelasca
“Non conosci le tagliatelle di Campofilone? Sono tagliatelle sottili fatte a mano. Sono rinomate!”

MARIELLA

ARTIGIANA DI SCARPE
Mariella chiacchiera con noi mentre è intenta a cucire una tomaia. Fa le scarpe da 40 anni, sono mani preziose le sue. Ha sempre lavorato sulla calzatura da uomo classica, ci racconta che prima la scarpa era più semplice da fare, ora è più complessa e più curata. Il suo mestiere non lo cambierebbe con nient’altro.

VelascaVelasca
Qui la scarpa la cominci e la finisci, è tutto artigianale.
Non c’è paragone, è una scarpa più curata.

MAURIZIO

IMPRENDITORE DELLA CAMICERIA
La famiglia di Maurizio è nel tessile da 70 anni. Le camicie vengono fatte quasi interamente a mano; le macchine sono solo d’ausilio per avere un prodotto finito più preciso e solido. Ogni dettaglio è studiato e pianificato, e il tempo fa parte del processo: una camicia artigianale non è il frutto di pochi, ciclici movimenti. Ogni passaggio richiede cura, altrimenti si deve ricominciare da capo.

VelascaVelasca
Un tempo la Puglia era un distretto di camicerie. Noi abbiamo avuto il coraggio di restare; oggi stiamo raccogliendo i frutti di questo sacrificio.

GILBERTO

IMPRENDITORE DEL MAGLIFICIO
Gilberto si è fatto da solo. Entra nel mondo della moda nel 1995. Comincia da un capannone e una macchina. A suo dire, il mestiere l’ha imparato grazie a stilisti e clienti, che lo hanno sempre spronato a cercare tecniche nuove, a sperimentare, a fare ricerca.

A suo dire, ha imparato il mestiere grazie a stilisti e clienti che lo hanno sempre spronato a cercare tecniche nuove, a sperimentare, a fare ricerca.

VelascaVelasca
Il filato è poesia. C’è una passione forte che accomuna le giovanissime persone che lavorano qui.

×