Scegli il paese di spedizione Continua

Friulane

Vista:

Friulane

Friulane

La Friulana è una scarpa che racchiude in sé la tradizione regionale del Friuli, passando dai canali veneziani e dalle case dei nobili del nord Italia. Comoda, elegante, dal passo delicato. Da noi, la trovi in velluto o scamosciata, con la tipica cucitura fatta a mano: per stare in casa con classe oppure per i tuoi appuntamenti più raffinati.

+Continua a leggere
Velasca
Chiudi

La Friulana, detta anche scarpét, nasce dalla tradizione dei monti del Friuli circa due secoli fa. Veniva fatta dalle signore di paese per tutta la famiglia: allora non si usavano forme, il piede sinistro era uguale a quello destro, e si utilizzavano i materiali che si trovavano in casa, come sacchi di iuta e vecchie lenzuola.

La chiamavano anche zavatis (ciabatta) perché si usava per stare in casa, ma bastava aggiungere la suola in gomma per renderla una scarpa adatta a uscire. E se la tomaia era in elegante velluto, ti accompagnava alle feste.

In seguito, per fare un po’ di fortuna, alcune signore dalle montagne portarono le loro creazioni a Venezia. Ecco che le scarpe Friulane si prestarono bene per essere ottime compagne di lavoro dei gondolieri: comode, stabili e delicate sul legno che ricopre la gondola. Iniziò la loro nuova vita tra i canali veneziani, prendendo il nome di papusse.

La leggenda, poi, vuole che queste scarpette fossero le preferite dai nobili per sgattaiolare, inosservati, dalle amanti segrete.

Gonars, alla riscoperta della tradizione

La cucitura che unisce tomaia e suola è fatta a mano e viene chiamata a catenella, ma un tempo le signore di paese la chiamavano sotpont (ovvero punto che si fa sotto): tutt’oggi non esiste alcun macchinario capace di replicare le loro mani. Senza di loro, addio scarpez.

Gonars è un paese del basso Friuli, che tra gli anni Sessanta e la fine degli anni Ottanta è stato uno dei punti di riferimento italiani della calzatura. Le signore attendevano in casa suola e tomaia dai laboratori di quartiere, per mettersi al lavoro con le loro mani. Per questo abbiamo deciso di venire qui, dove la tradizione delle Friulane è stata portata avanti a lungo e, ancora, vive.

×