collection.single - https://it.velasca.com/collections/francesine
Scegli il paese di spedizione Continua

Francesine

Vista:

Francesine

Francesine

Le Francesine sono le scarpe in pelle da uomo più appropriate quando si tratta di andare a una cerimonia classica. Se hai bisogno delle scarpe stringate da ufficio, questa è la scelta migliore. Da sempre, le Francesine hanno un’eleganza discreta e senza tempo.

+Continua a leggere

Come sono fatte le scarpe Francesine Velasca

Che cosa ci fa dire se siamo davanti a un paio di scarpe di qualità? Principalmente, gli elementi distintivi sono tre: i materiali che si utilizzano; la suola scelta in base all’uso e stagione; e la sua costruzione ― rigorosamente a mano e in Italia.

Partiamo dai materiali utilizzati: ogni scarpa Francesina che trovi in vendita nel mondo Velasca è fatta con la migliore pelle in circolazione: si tratta del vitello francese pieno fiore ― full-grain leather ―, riconosciuto come lo standard per le scarpe in pelle della migliore qualità.

E perché la pelle di vitello pieno fiore è considerata la più alta qualità di pelle che c’è sul mercato? È la più naturale ― la pelle non viene alterata in alcun modo, se escludiamo la rimozione del pelo ―, la più morbida e setosa al tatto, e quella più inalterabile di tutte quante. Inoltre, la pelle di vitello pieno fiore si chiama così perché, quando la tocchi, senti come dei piccoli fiorellini al suo interno. È famosa per via della sua lunga durata: più invecchia meglio è.

Per quanto riguarda le suole, tutte le scarpe Francesine da uomo con la suola in 100% cuoio sono costruite con la tecnica “blake-rapid”: una doppia cucitura che la rende risuolabile. Le suole delle Francesine Velasca sono realizzate con un cuoio resistente all’utilizzo, tuttavia spesso consigliamo di applicare una mezza suola in gomma per proteggere il cuoio se le scarpe verranno utilizzate in contesti piovosi.

Invece, le Francesine con la suola in gomma invernale Vibram sono cucite con la tecnica “blake”: la parte superiore della scarpa (detta tomaia) è cucita direttamente con la suola, rendendola molto leggera. Nel caso delle suole in gomma, l’elemento di risuolatura è meno importante in quanto usiamo solamente le suole made in Italy in gomma Vibram, le migliori in circolazione, studiate per durare nel tempo, resistere al consumo quotidiano, e affrontare le giornate più fredde e piovose ― autunno e inverno in primis.

Per tutte le scarpe, ogni passaggio nella lavorazione è fatto a mano e in Italia (per davvero e dall’inizio alla fine della sua costruzione) dai nostri esperti artigiani ― la tradizione è tramandata di padre in figlio. E poi, per molti dei nostri modelli di scarpe Francesine offriamo lo stesso stile di prodotto sia nella versione di suola in cuoio sia in gomma Vibram.

Le decorazioni che possono avere sulla pelle

Se guardiamo alla decorazione esterna delle nostre Francesine in pelle, abbiamo tre varianti, in base al gusto personale e al posto dove vogliamo esibire le scarpe: liscia, semi brogue e full brogue. Quest’ultima è anche detta “a coda di rondine”, per via del suo disegno che ricorda appunto la coda di una rondine. Come regola generale, più le scarpe sono decorate sulla loro parte superiore e più sono considerate come “informali”.

Che calzata hanno le Francesine Velasca?

Tutte le nostre Francesine calzano alla stessa maniera e, così come per tutte le scarpe in collezione Velasca, il numero è sempre il medesimo. Nel dettaglio, le nostre scarpe Oxford sono costruite su “Forma F”, una calzata regular adatta a una pianta “normale”; ovvero piedi né troppo snelli né troppo robusti. Se, al contrario, la struttura del proprio piede è più larga, si preferisce andare su una “Forma G” ― vedi le Derby.

Come avviene la decolorazione della pelle?

Per realizzare il colore delle nostre Francesine c’è un processo tutto manuale in atto. Dunque, la pelle grezza subisce l’antico processo di “concia”, dove viene colorata. La pelle poi si impregna con delle sostanze che non la fanno decomporre né perdere flessibilità. La stessa viene, infine, messa in una botte di legno (bottale) che ruota, contenente acqua e la soluzione del colorante nero per la tintura. L’acqua è portata a 60° C per permettere al colore di penetrare nella pelle per sempre.

Che differenza c’è tra la costruzione “blake”, “blake-rapid” e “goodyear”?

Partiamo dalla nostra prima costruzione, la “blake”: la tomaia (ovvero la parte superiore della scarpa) e la fodera interna sono cucite con la suola esterna. In questo modo la suola è più sottile di altre costruzioni rendendo la scarpa leggera e flessibile. La scarpa, però, non è risuolabile (per questo motivo usiamo questa tipologia di costruzione solamente sulle suole Vibram, studiate per resistere nel tempo a qualsiasi condizione atmosferica).

La costruzione “blake-rapid” è tipica della manifattura italiana di cui andiamo fieri. Nello specifico, è fatta da una doppia cucitura (blake e rapid, appunto): mentre la prima unisce il sottopiede, la tomaia, la fodera e l’intersuola; la seconda attacca l’intersuola con la suola. In questo modo, le scarpe con questa costruzione sono facili da risuolare.

Nella lavorazione brevettata da Charles Goodyear nel 1869 sotto il nome di “goodyear”, invece, suola e tomaia sono congiunte con una cucitura di rinforzo in cuoio morbido: tra sottopiede e suola viene collocata una intersuola riempitiva. Il piede appoggia così su una soletta di pelle spessa posizionata su uno strato di sughero naturale. Questo materiale ha la particolarità di adattarsi: la sensazione è quella che la scarpa prenda la forma del piede. Con quest’altra tecnica tradizionale, le scarpe classiche sono resistenti all’acqua e durano molto a lungo.

Seppur questi ultimi due metodi sono entrambi amati nel mondo, la qualità della scarpa con suola in cuoio ha dei punti di congiunzione: sono infatti entrambe costruzioni durevoli nel tempo, e sono sinonimo di calzature raffinate e risuolabili.

Come abbinare le Francesine da uomo

Partiamo dalle Francesine nere: sono le scarpe da uomo in pelle, basse, perfette per le occasioni formali da abbinare a un abito. Cerimonia in agenda? Le Francesine Giacalustra sono le scarpe da matrimonio classico per eccellenza. Le indossa lo sposo da abbinare all’abito blu scuro. Se si vuole, invece, osare un po’ di più, le Oxford Precìs sono la scelta migliore con il loro decoro “semi brogue”. Se si passa alla vita di tutti i giorni, entrambi i modelli di scarpe sono anche adatte all’ambiente da ufficio.

Se parliamo del mondo dello stile versatile e più casual, in collezione ci sono le scarpe Francesine da uomo marrone, come la “full brogue” Offellee per esempio; oppure quelle in camoscio ― la gommata Vibram Saccent è perfetta per le giornate meno informali dell’autunno/inverno. Con questi modelli ― e gli altri scamosciati e/o con suola in gomma Vibram ― si può certamente osare negli abbinamenti: con un abito grigio, uno spezzato o dei pantaloni con le pence.

In linea generale, sappi che le Francesine sono un modello di scarpe classiche, fedeli compagne in ogni occasione formale o semi-formale.

Come prendersene cura

Per prendersi cura delle tue scarpe Francesine abbiamo realizzato alcuni accessori da uomo: puoi scegliere il kit per le scarpe in pelle liscia (o quello scamosciato in caso la pelle delle tue scarpe sia scamosciata) per tenere la pelle idratata ed elastica nel tempo (oltre che ravvivarne il colore); e scegliere il tendiscarpe in legno di cedro, per tenere in “forma” le scarpe ed evitare che si formino le pieghe nell’utilizzo.

Infine, una volta scelto il kit in relazione alla pelle delle tue Francesine, procurarsi un paio di tendiscarpe in legno di cedro è fondamentale per mantenere la forma delle scarpe quando sono a riposo, riparare le calzature dall’umidità e farle durare nel tempo. E poi sono un oggetto estetico per l’uomo che cura tutto nel minimo dettaglio.

La Francesina: abbinala anche agli accessori giusti

I veri gentleman, o business man, non lasciano mai nulla al caso. E, quando si parla di abbinamenti, sono i dettagli a fare la differenza. Per il mondo dell’uomo elegante, sarebbe buona cosa abbinare le scarpe Francesine ai loro accessori per colore e tipo di pelle. In collezione c’è un’ampia scelta di cinture e portafogli da uomo, pronti per essere abbinati.

Come allacciare le scarpe Francesine: un dettaglio importante

Dipende dal tuo stile nel vestire e abbinamenti, e anche da che stile vuoi dare alla tua camminata. Essendo le Francesine scarpe generalmente classiche e formali ― pensiamo soprattutto a quelle in pelle liscia ― consigliamo l’allacciatura allineata dritta ― dove le stringhe formano delle righe orizzontali parallele dritte. Diciamo che “così vuole la tradizione”. La stessa allacciatura si può adottare anche a quei modelli un po’ più casual ― come le nostre Francesine in pelle scamosciata.

Da dove arriva il nome Francesine? Un po’ di storia.

Sono scarpe con una storia lontana. Nella seconda metà del ‘600, iniziano ad andare di moda, tra gli studenti universitari di un famoso college del Regno Unito, delle nuove calzature con i lacci: le scarpe Oxford ― le scarpe Francesine in italiano ― che prendono l’origine del nome dall’omonimo ateneo britannico. In America, le scoprono ben duecento anni dopo.

C’è differenza tra Derby e Francesina?

Sì, sia nel loro modo d’uso e nella calzata. Rispetto alla classica Francesina, le Derby hanno un’anima più particolare: sono fatte per l’uomo che si sente un po’ dandy e che ama farsi notare tra la massa. In comune hanno i lacci e la costruzione “blake-rapid”.

Se le classiche Oxford hanno un sistema di allacciatura chiuso delle stringhe sulla tomaia (la parte superiore della scarpa), quello delle Derby è aperto. E questo è vero per tutte le scarpe Francesine tradizionali. In collezione Velasca, invece, la calzata è unica: mentre la nostra Francesina ha una “Forma F”, le scarpe Derby hanno una “Forma G”, corrispondente a una pianta larga e adatta a un piede robusto con pianta larga e collo alto.

Che differenza c’è tra Francesine e Parigine?

La lingua è sempre molto affascinante e, spesso, può trarre in inganno. In italiano, le scarpe Oxford sono state tradotte come Francesine. Ma come mai si sente così tanto parlare anche di scarpe Parigine? La differenze è molto semplice: mentre le Francesine sono scarpe da uomo; le Parigine sono riconducibili al mondo donna.

Fai il primo passo


Iscriviti alla nostra newsletter e hai il 10% di sconto sul tuo primo ordine. E poi potrai leggere le novità e le storie sul mondo Velasca. Ti faremo divertire.

Fai il primo passoGrazie Mille

Iscriviti alla nostra newsletter e avrai il 10% di sconto sul tuo primo ordineTra poco riceverai un'email con il codice sconto a te riservato